ELENCO :: I BORGHI :: ABRUZZO :: PINETO

LA STORIA

Le radici storiche di Pineto risalgono all’antico borgo di Mutignano che fino al 1929 si era sviluppato all’ombra e al servizio della vicina città di Atri. Agli inizi del 1800 gli insediamenti urbani erano localizzati nel retrostante territorio collinare e solo qualcuno si affacciava direttamente sul mare; subito dopo la costruzione della “Strada consolare marittima” (arteria che dal confine sul Tronto con lo Stato pontificio, raggiungeva la valle del Pescara), nelle zone più salubri, compaiono le prime modeste abitazioni, per lo più rurali, tra cui Villa dei signori Filiani, che rimane a lungo l’unica presenza del territorio insieme alla Torre Cerrano che, con la sua caratteristica costruzione ha sempre rappresentato il simbolo di Pineto. La villa, o più propriamente il “casino di campagna” è fatta costruire da Giacinto Filiani; viene adibita dapprima a residenza estiva e, quindi definitiva dopo la costruzione della stazione ferroviaria, affinché i Filiani possano controllare più da vicino la fornace di argilla che hanno fatto villafilianicostruire, nonché i lavori agricoli e di raccolta. Nel 1849 viene ultimata la villa “Maturanzi“, ora appartenente ai signori Caccianini, baroni imparentati con i Filiani, in quanto Emilia, sorella di Luigi Corrado, va sposa a Gaetano Caccianini.
Agli inizi del 1860, viene costruita la ferrovia Adriatica e, con l’avvento di essa, inizia il fenomeno di ribaltamento tra costa e l’interno. All’atto della costruzione della stazione, nascono i primi contrasti tra Atri e Mutignano per la scelta della sua ubicazione; ognuno pretende che l’edificio sorga sul proprio territorio. E’ per interessamento di Giacinto Filiani che la scelta ricade sul territorio di Mutignano; questi infatti, per raggiungere l’intento, concede il terreno necessario alla costruzione dello scalo il quale prende il nome di “Atri-Mutignano“; la località, ai fini amministrativi, conserva il nome di “Villa Filiani“, mentre l’ufficio postale assume la denominazione di Atri-Mutignano, nome che conserverà fino al 1925.
I Filiani sottolineano la polarità Villa-Stazione con la costruzione di due file di fabbricati fiancheggianti l’accesso allo scalo ferroviario, in cui vengono sistemati l’ufficio postale, la scuola elementare, lo spaccio di sali e tabacchi, una modesta locanda ed altri servizi che danno vita al primo nucleo del centro storico che, pur ristrutturato, ancora esiste. Poche altre abitazioni private sono edificate fino alla fine del secolo e, solo dopo la fine della guerra 1915-18, l’attività edilizia manifesta una maggiore vivacità. Fu opera del Comm. Luigi Filiani il piano di sviluppo della località mirante a far sorgere una ridente cittadina balneare, ricca di tanto verde; a tal fine egli cominciò a pensare seriamente all’impianto di una pineta litoranea. Tale opera venne fortemente ostacolata dall’allora sindaco di Mutignano.
Tra le motivazioni addotte nell’opposizione del sindaco, compariva quella che la zona poteva essere meglio utilizzata a scopo edilizio di tipo popolare e che l’interessato Filiani, con le sue proposte, perseguiva fini speculativi per valorizzare meglio i propri terreni. Nonostante tutto il Filiani riuscì a dimostrare la sua buona fede e nel maggio del 1923 ottenne dal demanio Marittimo la concessione, per 25 anni, dell’arenile con l’impegno di eseguire l’impianto e la successiva manutenzione di una pineta che, allo scadere sarebbe passata allo Stato. I lavori comportarono un primo livellamento del terreno e successivo impianto di 2000 alberi della varietà “Pinus Pinaea“. A questo punto, diventò quasi naturale il cambiamento della denominazione della frazione “Villa Filiani”, del Comune di Mutignano, in quella di “Pineto“.
Questo nome viene suggerito a Filiani dalla famosa lirica “La Pioggia nel Pineto” di Gabriele D’Annunzio. L’opera di abbellimento vagheggiata dal Filiani non si arrestò, infatti iniziò sulla collina la piantagione di ciuffi di pini, lecci e lauri. In seguito si occupò dell’impianto di un vero e proprio parco, ricco di altre essenze arboree, che ora coronano ed abbelliscono la collina. A circa 200 metri dalla Villa dei Filiani, funzionava la Fornace fatta costruire da Vincenzo Filiani: essa si alimentava con l’argilla della sovrastante collina, diventata così, col passare degli anni, brulla ed arida. Al suo interno si producevano i mattoni da costruzione che venivano modellati a mano dagli operai. Il commendator Filiani, per far scomparire quel hublot replika grigiore triste della fornace, che non si addiceva al “paese ideale” che lui sognava di far competere con le più famose stazioni balneari italiane, inizia la bonifica della collina, trasformandone il grigiore in un meraviglioso parco. Il piccolo paese, dalla fine della prima guerra mondiale agli anni ’70 si arricchisce di nuove abitazioni, edificate lungo l’attuale via D’Annunzio. Vengono inoltre edificate, ville e villini di un certo pregio, che conferiscono all’abitato un volto sereno ed armonioso. Altri nuclei di piccoli fabbricati nascono a “Calvano” e “Corfù“. Nel 1926 è posta la prima pietra della Chiesa, dedicata a S. Agnese. Al 1930 risale la prima struttura alberghiera. Il comune di Mutignano, assume la denominazione di “Comune di Pineto” e conseguentemente la sede comunale viene trasferita dal borgo di collina al centro rivierasco, con delibera podestarile datata 30 maggio 1930.
 
LUOGHI DA VISITARE
 
La Torre Cerrano è una delle antiche torri costiere del Regno di Napoli, si trova sulla costa dell’Adriatico, in provincia di Teramo, tra Silvi e Pineto. E’ uno pochi esempi rimasti integri della fitta rete di fortificazioni costiere del Regno di Napoli, che avevano la funzione di respingere i frequenti attacchi di turchi e saraceni provenienti dal mare. Torre Cerrano, la cui costruzione risale al 1568, deve il suo nome all’omonimo torrente, che scende dai colli di Atri e la cui foce é situata 500 metri a sud della torre, nel comune di Silvi.  Le parti alte e laterali della Torre sono un’aggiunta più recente, realizzate nel secolo scorso dalle famiglie che la utilizzarono prima che la torre diventasse patrimonio della Provincia di Teramo nel 1981. Secondo gli storici Strabone e Sorricchio i resti archeologici antistanti alla torre sarebbero quelli del porto dell’antica colonia romana di Hatria, l’odierna Atri, meta di scalo di navi cariche di cereali provenienti dalla Puglia e dalla Sicilia e luogo di carico per i vini locali diretti in Grecia e verso Aquileia nel nord del mare Hatriaticum. Oggi la Torre, affidata in comodato al Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta Torre del Cerrano e all’Istituto Zooprofilattico Sperimentale Abruzzo e Molise, ospita  il Centro Internazionale di Formazione Veterinaria oltre alla Biblioteca e al Museo del Mare in allestimento con l’Info-point dell’Area Marina Protetta.